Maria Giovanna De Matteis in Pagano (1906 – 1980)

Maria Giovanna De Matteis, più nota come “Giovannina”, nacque a Caserta nel 1906 da un’umile famiglia d’agricoltori. Negli anni ’20 seguì i familiari che emigrarono negli Stati Uniti, precisamente a New York. In America realizzò la salvezza e la potenza dello Spirito Santo, ma quando i familiari decisero di tornare in Italia, ella non voleva, perché temeva di perdere quello che Dio le aveva donato. Nel 1923 tornarono in Italia, nel paesino di Ercole di Caserta, dove testimoniarono di Cristo e della Sua potenza liberatrice. Giovanna fu molto usata da Dio nei culti, dove nello spazio delle testimonianze, esponeva profondi pensieri dalla Sacra Scrittura. Maria Giovanna aveva ricevuto da Dio, uno spiccato dono per l’evangelizzazione.
Spesso si recava anche fuori provincia per annunziare Cristo. Insieme con un’altra sorella visitò un paesino, San Giorgio a Liri (Frosinone) dove un gruppo di persone fu attratta dall’Evangelo e dalla bellissima voce di Maria Giovanna. Tra quelle persone c’era Elvira Ciaciarelli, futura consorte di Salvatore Anastasio. Nel 1932 la “sorella Giovannina” si unì in matrimonio con Aurelio Pagano, ed entrambi si adoperarono per la diffusione del messaggio dell’Evangelo, nella zona del napoletano. Nel periodo della persecuzione, con cinque figli a carico, i Pagano furono mandati al confino a Polia (Catanzaro). Il Signore anche in questa circostanza non mancò di stare vicino ai coniugi Pagano che, anche se lontani da casa, non esitarono di testimoniare di Cristo in quella zona. 
Maria Giovanna lascerà questa terra il 26 Aprile del 1980, dopo aver servito fedelmente il suo Salvatore, che aveva amato profondamente. Ha lasciato una famiglia fedele a Cristo, ma soprattutto un esempio d’amore perseverante per le anime da condurre ai piedi di Gesù, unico Signore e Salvatore.