Domenico Paglia (1882 – 1974)

Domenico Paglia nacque a Benevento il 13 Agosto 1882. Per ragioni di lavoro fu costretto ad emigrare in Argentina, lasciando in Italia la sua famiglia. Durante la sua permanenza all’estero, conobbe la testimonianza dell’Evangelo da fratelli di confessione battista. Così dall’Argentina, tramite lettere, cominciò a parlare del Signore a sua moglie, la quale lavorava presso la curia arcivescovile.
Tornato a Benevento nel 1938, il fratello Paglia cominciò presto una vasta opera di evangelizzazione tra i propri familiari e i vicini di casa. Egli amava il Signore e la Sua Parola e conosceva a memoria Giovanni 17 ed alcuni Salmi. Dalla sua semplice testimonianza, si convertirono al Signore tre credenti, tra cui il fratello Valentino Giannuzzi, che diventò poi, uno dei cinque pastori della Comunità di Benevento. Il fratello Paglia subì le vessazioni dei preti. Uno di questi, in sua assenza, avrebbe voluto bruciargli la Bibbia e, fu solo per l’opposizione di sua moglie che questo non accadde. Ricevette persino una convocazione dall’arcivescovo, il quale poi, asserendo che nessuno avrebbe compreso il suo parlare, lo lasciò andare. Un giorno, una persona disse al fratello Paglia di conoscere un uomo che professava la sua stessa fede e lo accompagnò dal fratello Caruso Vincenzo, il quale veniva da Altavilla Irpina. Insieme collaborarono per la fondazione della Comunità di Benevento. Dio lo promosse in gloria nel mese di Luglio del 1974.